Tag Archiv: Bicocca

Area verde Via Giolli / Suzzani e Sicurezza stradale incrocio Via S. Miniato/ Viale Suzzani / Via Thomas Mann due questione da risolvere…

segnalazioni

 @FareBicocca pubblica due segnalazioni presentate Giovedì 29 0tt0bre u.s. presso il CDZ9.l

La prima segnalazione tratta della questione sicurezza stradale all’incrocio di Via San Miniato con V.le Suzzani e Via Thomas Mann, proprio in questi giorni si è consumato un pericoloso incidente che ha coinvolto diverse automobili e un autobus Atm, la scarsa visibilità e la mancanza di segnaletica di STOP rende molto insidioso il suddetto incrocio, la segnalazione chiede ai Settori comunali competenti di intervenire per rendere più sicuro l’incrocio.

la seconda segnalazione intende sollecitare il Comune di Milano e il Settore competente a posizionare nuovi lampioni di illuminazione pubblica, poche settimane fa sono stati rimossi quelli presenti in quanto non a norma.

Riteniamo corretto rimpiazzare quelli rimossi affinchè l’area verde in oggetto ritorni ad essere più sicura, illuminata e fruibile dai cittadini ivi residenti.

 

segnalazione richiesta tracciatura segnaletica di STOP in  Via San Miniato – incrocio pericoloso  San Miniato – Viale Suzzani – Via Thomas Mann 

IMG_20151026_070604

 

IMG_20151026_070548

 

IMG_20151026_070556

richiesta installazione impianti di illuminazione area verde Giolli Suzzani

giolli suzzani

S.O.S. PROSTITUZIONE VIALE F.TESTI – VIA R.GIOLLI …ORA INTERVENGA IL PREFETTO DI MILANO…

puttana giolli

FareBicocca@ pubblica la mail inviata al Prefetto di Milano in merito alla annosa questione della prostituzione di Viale  F.Testi – Via R.Giolli.

I Cittadini della Via R.Giolli da anni segnalano e denunciano la situazione di grave degrado creatasi nell’area parcheggio  e nei giardinetti comunali della medesima via, le prostitute che dalle prime ore della sera fino a tarda notte fanno la spola da Viale F.Testi ( area di attesa clienti) e l’area paecheggio di Via R.Giolli ( area di consumo ). Proprio nell’area parcheggio della Via R.Giolli i cittadini spesso assistono a scene INDEGNE anche alla luce del giorno, alla mattina si possono trovare gli “strumenti ” da lavoro sul terreno del parcheggio e dei giardinetti.

Anche i corselli dei box degli stabili di Via R.Giolli vengono utilizzati  dalle prostitute, visto anche  il facile accesso, sono divenuti  area dedicata al loro ristoro ed all’espletamento dei loro bisogni ( urine e feci)

In questi anni i cittadini di Via R.Giolli hanno  presentato  esposti, denunce, petizioni popolari,  in CDZ9 sono state  presentate innumerevoli mozioni divenute  poi delibere, interpellanze ed interrogazioni riguardanti questa grave situazione, a parte qualche sporadico passaggio delle Forze dell’Ordine nulla ad oggi è  cambiato, anzi…

Oggi, visti gli scarsi risultati ottenuti fino ad ora, abbiamo preso carta e penna e  inviato una richiesta di intervento al Prefetto di Milano, ecco la mail inviata:

S.O.S. PROSTITUZIONE SELVAGGIO VIALE F.TESTI – VIA R.GIOLLI

(more…)

A Febbraio 2015 scrivevamo così: Telecamere di sicurezza in Zona 9 : forse, per la Rotatoria di Via Arezzo è fatta…siamo a settembre e ancora nulla…

rotonda via arezzo

FEBBRAIO 2015

FareBicocca informa i cittadini in merito alla lettera inviata al Settore Sicurezza del Comune di Milano dal CDZ9,  con la quale su invito dell’Assessore Granelli,   ha raccolto le segnalazioni più urgenti ( deliberate anche da diversi anni dal CDZ9)  inserendole nella lettera,  affinchè le stesse vengano recepite dal Settore competente. Tra i luoghi segnalati dal CDZ9  è citata nei primissimi punti   la Rotatoria di Via Arezzo.

Per ovvi motivi non è possibile pubblicare il documento.

 

AGOSTO 2015

TELECAMERE DI SICUREZZA

(more…)

DEGRADO, SICUREZZA, VIVIBILITA’: PROPOSTE ALLA DIRIGENZA DEL PARCO NORD

foto parco nord

@Farebicocca ritorna a parlare del Parco Nord e delle potenziali migliorie che in tanti mesi ci sono state recapitate da tutti voi Cittadini che contribuite per poter avere una migliore qualità di  vita in Zona 9 ed in particolare in Bicocca.

Tutte le vostre segnalazioni sono state raccolte e confezionate in una presentazione consegnata personalmente al Dr Manni – Presidente del Parco Nord, presso la Cascina del Parco Nord in data 25 maggio 2015.

L’intento era quello di coinvolgere la Presidenza del Parco circa le necessità sentite dai fruitori della zona verde e portarle all’attenzione diretta del Consiglio. Erano state suddivise in tre categorie: Degrado, Sicurezza, Vivibilità.

Sarebbe stato chiaramente impossibile vederle realizzate nel breve periodo ma entro la prossima estate 2016 poteva essere un traguardo raggiungibile.

In data 3 agosto 2015 è finalmente arrivata la risposta scritta (attesa da circa due mesi e più volte sollecitata) del Parco Nord, che purtroppo non ci può rallegrare in quanto le proposte presentate ed analizzate non potranno trovare realizzazione neanche a lungo termine. Riportiamo qui di seguito la risposta punto per punto:

Degrado:

-Spero che nei prossimi mesi si riesca a realizzare una buona campagna di comunicazione sul regolamento d’uso del Parco. Non possiamo non farlo. Oggi la qualità della fruizione dipende dal rispetto delle regole da parte di tutti. L’uso corretto delle biciclette, cani al guinzaglio, abbandono degli animali, cibo agli animali e le nuove problematiche del lago Niguarda ci impongono una continua sensibilizzazione ai frequentatori del Parco. Questa cosa deve andare di pari passo con la rivisitazione del regolamento.

-Non ci possiamo permettere un incremento dei punti raccolta immondizia. Ogni cestino in più è un costo. Stiamo ragionando per collocarli diversamente.

Sicurezza:

I numeri, i fatti e l’uso dei frequentatori ci dicono che il Parco, per la sua vastità e il numero di fruitori, è complessivamente un luogo sicuro. Di notte come tu sai non essendoci illuminazione è praticamente zona non frequentata, salvo alcuni punti illuminati e disposti lungo le strade in  cui c’è un uso improprio e su cui vigiliamo periodicamente.

-Abbiamo un sistema di video sorveglianza non funzionante al 100% a causa appunto di mancanza di risorse. Il nostro impegno è ripristinarlo il prima possibile anche se, è dalla vigilanza sul campo che riscontriamo i migliori risultati, grazie al lavoro delle Guardi Ecologiche Volontarie, che con l’ultimo corso, sono aumentate di 50 unità.

-La collocazione di colonnine SOS senza un impianto di illuminazione non è praticabile. Inoltre le colonnine SOS dovrebbero avere una postazione H24 che non ci possiamo permettere.

– I furti negli orti sono una cosa odiosa. Abbiamo tentato con l’introduzione di foto trappole (di solito usate per il censimento degli animali) ma senza grande successo.  Ci chiedono di sostituire le recinzioni, ma l’esperienza ci dice che, anche dove ci sono recinzioni più robuste si trova sempre il modo di scavalcarle.
La continua vigilanza è l’unica nostra risposta.

-Gli edifici in disuso nel Parco sono solo la Item (nelle vicinanze del velodromo).
Il nostro obbiettivo è quello di smantellarla prima o poi. Lavoriamo per questo. Forse l’occasione della vasca di laminazione prevista nel Parco ci darà una mano, in quanto quell’area è stata inserita nelle opere di compensazione.

-Per la messa in sicurezza delle corsie preferenziali, c’è un solo modo: far rispettare il limite di 15 km l’ora previsto dal nostro regolamento d’uso.

Vivibilità:

-Non abbiamo in programma aree attrezzate per il barbecue, è una riflessione che abbiamo fatto, ma che ci ha portato ad un esito negativo. A settembre istituiremo la consulta delle associazioni  del Parco, una volta insediata metteremo mano al regolamento d’uso e alla discussione di queste tematiche.

-L’installazione di bat-house è stata realizzata negli anni scorsi. Si continua a monitorare questo progetto ma ci vorrà del tempo per capire se funzionerà.

-Le cimici sono state un fenomeno di quest’anno, con l’arrivo del caldo è sparito. Fenomeno fastidioso ma non pericoloso, purtroppo il problema di animali e piante infestanti è presente nel Parco.

-Per scelta evitiamo di riempire il Parco di cartelli di qualsiasi tipo. Ci limitiamo allo stretto indispensabile. Non abbiamo pensato a targhette identificative degli alberi per questo motivo. Sicuramente è un’idea da realizzare nella “Nuova Casa del Parco” dove possiamo prevedere la presenza virtuale degli alberi presenti. Il centro multimediale nel Parco è in via di completamento, sono convinto che lì potrà trovare posto questa tua idea.

Lago Niguarda

Il comunicato che hai trovato sul sito rafforza il divieto di balneazione. Il volantino che abbiamo predisposto è provvisorio.  Stiamo predisponendo nuovi cartelli per tutta l’area e un nuovo volantino tradotto in più lingue. Anche qui crediamo sull’efficacia di una buona campagna di sensibilizzazione già avviata dalle nostre Guardie Ecologiche Volontarie. La chiusura del cantiere, l’apertura del punto ristoro e l’inserimento del Punto Informativo Parco Nord, dovrebbe agevolare questo obiettivo.

 

 

Ora però viene spontanea una considerazione:

Ma i soldi investiti per far fronte allo sviluppo della progettazione, della realizzazione del Lago Niguarda non si sarebbero potuti utilizzare per porre le migliorie al Parco?

La costruzione di un Lago artificiale in una zona che ha già i suoi bei problemi idrici ci sembra  davvero una forzatura e se poi pensiamo alle problematiche di gestione del Bilancio,  la gestione pro-futuro dello stesso ci pare davvero impegnativa.

Vi è inoltre un’ulteriore progetto riguardante la realizzazione dell’enorme vasca di laminazione, un progetto importante che ha degli aspetti da non sottovalutare come ad esempio :

– l’impatto sull’area verde: tale opera andrà a sottrarre tantissimi ettari di area verde al Parco Nord

– l’importante quantità di acqua in una zona che ne ha già in abbondanza …

Ci si chiede inoltre perché non si sia tenuto contro, prima di realizzare il Lago, delle nuove opere idriche già approvate e che saranno realizzate nel prossimo futuro.

E voi lettori di @Farebicocca come la pensate?

 

articolo repubblica 9 agosto 2015- laghetto Niguarda

risposta 3 agosto 2015 parco nord – dr manni

proposte parco nord – 25 maggio 2015

FOTO – VASCA DI LAMINAZIONE

NO VASCHE

 

foto articolo parco nord

QUANDO LA TROPPA TOLLERANZA E L’ECCESSIVO CONSUMO DI ALCOLICI ROVINANO LA CIVILE CONVIVENZA

bottiglie_birra_lp-e1402755896357
@Farebicocca e suoi lettori vogliono capire se l’atteggiamento di tolleranza intrapreso,  fino ad oggi da chi in ambito Comunale voleva garantire il piano di integrazione, abbia tenuto conto dei famosi Costi/Benefici che lo stesso ha poi generato nel tempo.

Il disturbo alla quiete pubblica e’ come tutti sapete un reato ma non solo, nel tempo crea nella psicologia di chi lo subisce un vero e proprio malessere. I cittadini Milanesi che fino ad oggi hanno creduto nell’operato di chi coordina la sicurezza sono amareggiati dalle poche e spesso irrisorie prese di posizione circa questa problematica.
Il rispetto del Diritto al riposo sembra soppiantato da piani di integrazione e aperture a movida notturna.
Ci scrivete quotidianamente per segnalare situazioni che raccontano come si sia arrivati al limite della sopportabilità, come la scorsa settimana presso la Collina dei Ciliegi e come ad esempio l’ennesimo sabato (ieri sera) trascorso all’insegna degli schiamazzi, delle urla e della musica ad alto volume  presso viale Berbera nel parco nord.
Un altro week da annotare ai precedenti dove, in questo caso,  il solito gruppo di sudamericani  incuranti dei diritti altrui, ha continuato imperterrito a festeggiare nel parco a scapito del riposo degli abitanti che è stato negato.
Gli abitanti vogliono un segnale dalle amministrazioni sia comunali che del Parco Nord atte a fermare questo continuo e insopportabile disturbo della quiete pubblica.
Oggi è stata inviata l’ennesima richiesta di intervento alle istituzioni che non possono continuare a tollerare questa problematica.
Non possiamo volere Milano come città Metropolitana e poi non essere in grado di garantire la sicurezza ai cittadini, questo concetto deve diventare primario per una sana vivibilità di tutti.
8 luglio 2015 – alleghiamo PDF con interrogazione urgente al Comune di Milano
interrogazione urgente – Comune di Milano – 8 luglio 2015
mail del 5 luglio 2015 – indirizzata all’Assessore Granelli
 

mail del 5 luglio 2015 - Assessore Granelli

POST PRECEDENTE
DISTURBO ALLA QUIETE PUBBLICA IN VIALE BERBERA SITUAZIONE RECIDIVA

MESSI I SIGILLI AL FLOWER HOSTEL MA QUALCOSA ANCORA NON VA’ :-(

2

Cari Lettori di @Farebicocca, vogliamo innanzitutto ringraziare tutti Voi che ci seguite e ci inviate  giornalmente le vostre segnalazioni inerenti stati di degrado, di abbandono, di mancato controllo circa i luoghi della nostra cara Zona9.

Le Vs segnalazioni vengono poi tutte doverosamente presentate al Consiglio di Zona 9 per poi essere prontamente inoltrate alle Forze dell’Ordine o a chi ne abbia competenza.

In questi mesi ci avete segnalato più volte problematiche e circostanze poco civili in cui venivano ospitati i profughi e turisti all’interno del Flower Hostel ed anch’esse sono state tutte presentate al Consiglio di Zona 9 ed inoltrate agli Organi competenti.
 
Mercoledì scorso è stato effettuato un’accertamento dei Vigili del Fuoco e della Polizia di Stato che dopo le opportune verifiche hanno disposto la chiusura dello stesso.
 
Lo stabile del Flower Hostel, è da sempre stato un normale palazzo abitativo nel contesto di un cortile in comune ad un’altra palazzina ad uso abitativo con la quale condivide anche dei box ad uso autorimessa. Qualche anno fà era iniziata una ristrutturazione importante per modificarlo in ostello con ricezione di turisti.
 
Le vostre segnalazioni ci chiedono se la proprietà del complesso andrà a sistemare anche la struttura della seconda palazzina che ad oggi sembra anch’essa necessiti di intervento di “”verifica“” interna in senso ampio lato.
 
Con l’intervento di mercoledi scorso ci auguriamo che la proprietà e tanti altri abbiano capito che “lo stato di diritto” vale per tutti e che le normative e la sicurezza devono sempre essere applicate anche con “la diligenza del buon padre di famiglia” e questo per la soddisfazione dei bisogni di tutto il vicinato e dell’intera intera zona.

 

SEGNALAZIONE AL CDZ9

motel flower-1

 

18 giugno 2015 – ARTICOLO SU “IL GIORNALE DI MILANO

ARTICOLO SU IL GIORNALE DI MILANO

 

DOPO CHIUSURA DELL’HOTEL FLOWER

 

 

 

VIA UGOLINI E IL PREGRESSO PUBBLICATO DA FAREBICOCCA

 

 

DEGRADO E INSICUREZZA GIARDINETTI COMUNALI VIA HERMADA …A QUANDO LA SOLUZIONE?

via hermada 3

 

FAREBICOCCA

Vi parliamo nuovamente dei giardini Comunali di Via Hermada perché le vostre continue segnalazioni unite al degrado che aumenta di giorno in giorno, presso i giardini di Via Hermada impone una modifica degli stili di vita di quartiere, spingendo le persone ad allontanarsi da questo posto pubblico, creato per tutti gli abitanti e per chi volesse passare qualche ora all’aria aperta su una panchina. Inoltre anche le condizioni di abbandono di cumuli di rifiuti, problemi di schiamazzi, liti e danneggiamenti vari anche presso la ex scuola media Cassinis non possono più essere tollerati e si quindi deve essere dato un segnale di volontà da parte delle Istituzioni Comunali per tutta la popolazione che subisce giornalmente questo spiacevole spettacolo.

I solleciti sono stati più volti inoltrati, le segnalazioni sono state inviate e corredate di molte testimonianze fotografiche che tutti voi ci avete inoltrato ma a tutt’oggi non sembra si sia potuto notare un miglioramento.

Oggi si è provveduto ad inoltrare, ulteriore richiesta di intervento per sanare questa spiacevole e imbarazzante situazione.

Alleghiamo mail odierna inviata per sollecitare interventi:

 

 

(more…)

FINALMENTE LA DELIBERA DI REVISIONE DELLA TRACCIATURA STRISCE BLU IN ZONA 9…

Strisce Blu

Farebicocca informa che durante il CDZ tenutosi lo scorso 16 aprile, si è deliberato circa la modifica della tracciatura delle strisce blu per la regolamentazione della sosta negli ambiti della Zona 9.

Sono state esaminate le problematiche, più volte da Voi segnalate e da Noi notificate al CDZ, nel territorio del nostro quartiere e spesso le mozioni deliberate a maggioranza dal Cdz9 ma sempre disattese dall’Amministrazione comunale che ha più volte risposto negativamente alle richieste votate in CDZ9.

Nella Delibera sono quindi state individuate ed elencate le vie entro le quali si dovranno effettuare le modifiche : specificando per ciascuna posizione quali saranno gli interventi che verranno effettuati sia in Ambito 42 che in Ambito 43.

REGOLAMENTAZIONE DELLA SOSTA SULLE STRISCE BLU.

Per certi versi un lavoro doppio  visto le tante delibere già precedentemente  votate in CDZ9 e ripresentate  nella delibera approvata.

Per comprendere di più la questione  vi suggerisco di leggere i post sotto riportati : 

(more…)

Le segnalazioni al CDZ9 del 16 Aprile 2015.

segnalazioni

FareBicocca pubblica le Segnalazioni presentate c/o il CdZ9 giovedì 16 Aprile 2015.
SEGNALAZIONE UTILIZZO IMPROPRIO AREE VERDI GIARDINI COMUNALI DI VIA RACCONIGI

 

IMG-20150412-WA007

 

 

SEGNALAZIONE RICHIESTA MANUTENZIONE  MARCIAPIEDI VIA   RACCONIGI 
IMG-20150413-WA018

 

SEGNALAZIONE RICHIESTA INTERVENTO DI MANUTENZIONE MARCIAPIEDI DI VIA SAN MINIATO

 

 

SAN MINIATO

 

 

 

 

Le segnalazioni al CDZ9 del 12 Marzo 2015.

segnalazioni

 FareBicocca pubblica le Segnalazioni presentate c/o il CdZ9 giovedì 12 Marzo 2015.

 

MESSA IN SICUREZZA TOMBINO VIA PONALE 6

 

via Ponale

 

RICHIESTA MESSA IN SICUREZZA ATTRAVERSAMENTO PEDONALE VIA CHIESE – VIA G. P. PIRELLI 

 

attraversamento pedonale Chiese Pirelli cordolo TESTI – BIGNAMI

 

cordolo testi bignami

 

testi bignami 2

 

MESSA IN SICUREZZA TOMBINI V.LE F.TESTI 187

 

VIA F. TESTI 287 TOMBINO SFONDATO

 

SEGNALETICA DIVELTA VIA HERMADA 8

via hermada 8

SISTEMAZIONE PALETTO DISSUASORE VIA ORNATO ANG. VIA HERMADA

via hermada angolo via Ornato

 

RICHIESTA SISTEMAZIONE MATTONELLE DIVELTE VIA AREZZO 7

IMG_20150308_113817